Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, continua il boom per i piccoli impianti

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, continua il boom per i piccoli impianti
Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, continua il boom per i piccoli impianti

Continua a crescere in Italia il numero di piccoli o di piccolissimi impianti di produzione di energia elettrica che sono collegati direttamente al sistema di distribuzione. Nel 2015 questi erano poco meno di 700 mila, per la precisione 698.777, dei quali circa 80% in grado di produrre energia elettrica sfruttando le fonti rinnovabili. Questo è quanto emerso, tra l’altro, dal ‘Monitoraggio dello sviluppo degli impianti di generazione distribuita per l’anno 2015’ che, in base agli ultimi dati consolidati disponibili, è stato pubblicato dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il servizio idrico.

Rispetto all’anno precedente, nel 2015 gli impianti di produzione di energia elettrica piccoli e piccolissimi sono aumentati del 6,3%, ovverosia di 41 mila unità. Dai dati forniti dall’Autorità emerge inoltre che gli impianti di produzione di energia elettrica piccoli e piccolissimi coprono oramai oltre il 22% della produzione nazionale, e rappresentano il 25% circa, ovverosia un quarto della potenza nazionale installata.

L’apporto alla produzione nazionale delle piccole centrali è pari a 62,8 TWh con la crescita nel numero di piccoli o di piccolissimi impianti di produzione di energia elettrica che è trainata in prevalenza dagli impianti alimentati con le rinnovabili. In particolare, la crescita è quasi del tutto trainata dallo sviluppo degli impianti fotovoltaici, e solo in minima parte dalle piccole centrali eoliche, termoelettriche e idroelettriche.

In media il 22% dell’energia elettrica prodotta è destinata all’autoconsumo con percentuali differenti in base alla tipologia dell’impianto. Per gli impianti che sono alimentati da fonti rinnovabili, infatti, la percentuale di autoconsumo è pari in media al 9,7% contro una percentuale di autoconsumo pari al 71,2% gli impianti alimentati da fonti non rinnovabili con prevalenza di impianti termoelettrici che sono alimentati da fonti fossili.

Dal ‘Monitoraggio dello sviluppo degli impianti di generazione distribuita per l’anno 2015′ pubblicato dall’Autorità per l’Energia emerge anche come in Italia il sistema elettrico nazionale abbia fatto registrare una importante evoluzione passando da pochi impianti di produzione di energia elettrica di grossa taglia a impianti che, di dimensione ridotta, sfruttano le fonti rinnovabili.