Startup e Pmi innovative: Relazione annuale 2016 scaricabile online, info utili

Detrazioni fiscali Irpef start-up innovative, via libera Ue ai nuovi incentivi
Detrazioni fiscali Irpef start-up innovative, via libera Ue ai nuovi incentivi

Dal sito Internet ‘sviluppoeconomico.gov.it’, quello del Ministero dello Sviluppo Economico, è possibile visionare e scaricare la Relazione annuale del 2016 al Parlamento italiano che riguarda da un lato lo stato di attuazione, e dall’altro l’impatto della normativa vigente a favore delle startup e delle Pmi innovative. La Relazione annuale del 2016, che si compone di sei capitoli, è stata realizzata con il contributo di 20 diverse istituzioni e organizzazioni dell’ecosistema in accordo con quanto rende noto il MiSE con una nota.

Nel dettaglio, il primo capitolo della Relazione annuale del 2016 si occupa di quelle che, per le Startup e Pmi innovative, sono state le principali evoluzioni normative, mentre nel secondo capitolo vengono censite le startup innovative che si sono registrate a metà 2016. Queste erano circa 6.000 che sono state censite per il settore in cui operano, per la localizzazione geografica, per le performance economiche e finanziarie conseguite, ed anche in ragione del loro valore dimensionale in termini di occupati e di giro d’affari.

Nel terzo capitolo della Relazione annuale 2016 vengono anticipati i risultati di #StartupSurvey che è la prima indagine statistica condotta a livello nazionale sulle startup innovative, mentre nel quarto capitolo vengono presentati gli effetti positivi delle misure a sostegno delle startup e delle Pmi innovative, dagli incentivi agli investimenti in equity al programma Italia Startup Visa, e passando per l’equity crowdfunding e per l’accesso gratuito e diretto al Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese.

Il quinto capitolo della Relazione annuale 2016 illustra le iniziative che, a favore delle startup e delle Pmi innovative, sono state condotte dal Ministero, dalla comunicazione pubblica sulle policy e fino ad arrivare, per quel che riguarda la normativa, all’attività di customer service. L’ultimo capitolo della Relazione annuale 2016 si chiude poi, per il lettore, con la proposizione di due esercizi di valutazione sistematica dell’impatto delle misure.