Legge di Bilancio, ok del Governo: Gentiloni, ‘Manovra snella, utile per la nostra economia’

Legge di Bilancio, ok del Governo Gentiloni, 'Manovra snella, utile per la nostra economia'
Legge di Bilancio, ok del Governo Gentiloni, 'Manovra snella, utile per la nostra economia'

‘Manovra snella, utile per la nostra economia’. A definirla così è stato il Premier Paolo Gentiloni dopo che nella giornata di ieri il Consiglio dei Ministri ha varato la legge di Bilancio che introduce novità in materia di occupazione e, tra l’altro, anche l’esercizio di poteri speciali in Tim rappresentati dalla cosiddetta golden power in accordo con quanto è stato riportato da Repubblica.it. ‘Impegno mantenuto. Si rinnovano i contratti per donne e uomini nella #PA come da accordo raggiunto il 30 novembre 2016. #LeggeDiBilancio‘, ha intanto scritto via social network Twitter il Ministro PA e semplificazione Marianna Madia.

Inoltre, secondo quanto è stato dichiarato dal Presidente del Consiglio durante la conferenza stampa di ieri, la legge di Bilancio, oltre al rinnovo dei contratti per il pubblico impiego, va ulteriormente a rafforzare le misure di contrasto alla povertà, ed introduce nuove opportunità per quel che riguarda la possibilità per i lavoratori di andare in pensione in anticipo.

Per il contrasto alla disoccupazione giovanile, nella manovra è stata introdotta per tre anni la decontribuzione strutturale del 50% degli oneri previdenziali per l’assunzione dei giovani. In particolare, a partire dal prossimo anno gli sgravi contributivi saranno concessi per l’assunzione di giovani aventi fino a 35 anni, ma poi da un lato l’età tenderà a scendere, e dall’altro ci sarà un’estensione totale delle assunzioni incentivate nelle Regioni del Sud.

Contrariamente alle attese, invece, nella manovra finanziaria, salvo clamorosi ripensamenti e dietrofront durante l’iter parlamentare, non dovrebbe trovare spazio la riduzione del superticket sulla sanità. Via libera, invece, a nuove risorse per la cassa integrazione straordinaria, e per l’assunzione di 1.500 ricercatori per l’Università.