Bonus casa e Legge di Bilancio, le novità sulle detrazioni fiscali

prezzi assicurazioni casa ANIA

Manca poco più di un mese alla fine del 2017 e, di conseguenza, si avvicina pure l’appuntamento con l’approvazione, da parte del Parlamento italiano, di quella che una volta si chiamava ‘manovra finanziaria’ mentre al giorno d’oggi viene identificata con la Legge di Stabilità. La Legge di Bilancio dello Stato, in linea con quanto avvenuto negli ultimi anni, includerà probabilmente pure alcuni provvedimenti di proroga per il cosiddetto bonus casa, ovverosia per le detrazioni fiscali legate agli interventi sulle unità immobiliari, dalle ristrutturazioni e fino ad arrivare all’acquisto di mobili ed arredi, ed ai lavori finalizzati all’incremento dell’efficienza energetica.

Bonus casa con scadenza al 31 dicembre del 2017

Aspettando novità ufficiali e definitive a livello legislativo sul bonus casa, l’Associazione dei Consumatori Adiconsum, attraverso il proprio sito Internet, ha riepilogato quelle che attualmente sono le agevolazioni fiscali sugli immobili che sono in scadenza in data 31 dicembre del 2017. Nel dettaglio, c’è il bonus per le ristrutturazioni edilizie, che è fruibile a fronte di una spesa massima di 96 mila euro, e con la detrazione fiscale al 50%. Al 50% è pure la detrazione, con un massimo di 10 mila euro, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici collegati ad immobili che sono oggetto di lavori di ristrutturazione.

Poi c’è il cosiddetto ecobonus, con detrazione al 65%, per la realizzazione di interventi per il risparmio energetico con un massimale di 30 mila euro di spesa detraibile per sostituire gli impianti di climatizzazione invernale, mentre sale ad un massimo di 60 mila euro per gli interventi sulle pareti, sulle finestre e/o sugli infissi, e per l’nstallazione di pannelli solari.

Sisma bonus, detrazione fino all’80% della spesa sostenuta per dotazioni antisismiche

Un’altra agevolazione fiscale sugli immobili che è attualmente in vigore, ma che non scadrà a fine anno, è il cosiddetto ‘Sisma bonus’. Trattasi, nello specifico, della detrazione al 50% per le dotazioni antisismiche che può anche salire fino al 70-80% con la contestuale diminuzione di una o di due classi di rischio. Per il Sisma bonus, che resterà in vigore almeno fino al 31 dicembre del 2021, il massimale di spesa detraibile è pari a 10 mila euro.